Mars Reconnaissance Orbiter della NASA rientra dopo un brutto KO

La sonda MRO della NASA ha raggiunto Marte il 10 Marzo 2006. Foto NASA/JPL-Caltech
La sonda americana Mars Reconnaissance Orbiter è tornata operativa in orbita attorno a Marte, dopo che un guasto al suo computer di bordo aveva spaventato gli scienziati della NASA. Pochi giorni fa, il computer di MRO ha ceduto senza apparenti motivazioni il controllo della sonda a un computer ridondante, al che la sonda stessa è automaticamente entrata in modalità provvisoria, interrompendo ogni attività e spegnendo tutti gli strumenti scientifici.
Durante il guasto, il settimo di questo tipo ad aver colpito MRO da quando è in orbita attorno a Marte, cioè dal 2006, la sonda è rimasta cosciente e in buono stato di salute. Tuttavia, come spiega Matt King della Lockheed Martin, si sono verificate ben tre acquisizioni negative del segnale. Lo stesso guasto si era verificato altre due volte solo nel 2014.
"Non possiamo prevedere quando questo guasto si verifica, ma quando compare sappiamo cosa fare," spiega Reid Thomas del Jet Propulsion Laboratory.
Il passaggio del controllo di bordo dal computer principale a quello ridondante è un guasto molto facile da diagnosticare. Gli ingegneri hanno dovuto solamente inviare alcuni comandi alla sonda per farla tornare al computer principale.
Gli scienziati si sono detti fiduciosi che riusciranno a riportare la sonda alle sue normali attività nel giro di una settimana. Attualmente, la sonda ha inviato 249 terabite di dati - più di tutte le missioni spaziali della storia messe insieme.
Mars Reconnaissance Orbiter della NASA rientra dopo un brutto KO Mars Reconnaissance Orbiter della NASA rientra dopo un brutto KO Reviewed by Pietro Capuozzo on 6.4.15 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.