L'India prolunga la sua prima missione marziana

Immagine tridimensionale delle Valles Marineris. Foto ISRO
Oggi è forse il secondo giorno più importante per la missione indiana Mars Orbiter Mission dopo il 24 Settembre 2014, data del suo storico inserimento in orbita attorno a Marte. Oggi, a sei mesi di distanza da quel giorno, le autorità indiane si sono riunite e hanno votato a favore dell'estensione della missione di altri sei mesi.

Un cratere circondato da segni di erosione causati dal vento. Foto ISRO
"La missione ha abbastanza carburante a bordo da poter durare più del previsto, e perciò la sua missione è stata prolungata di sei mesi," si legge sul comunicato ufficiale diffuso dall'agenzia spaziale indiana, l'ISRO. Alla piccola sonda rimangono circa 37 chilogrammi di propellente a bordo.

Una foto delle Valles Marineris, il più grande sistema di canyon del sistema solare. Foto ISRO
La sonda aveva raggiunto Marte l'anno scorso, dopo nove mesi di viaggio interplanetario. I sei mesi previsti nella missione primaria sono terminati proprio oggi.
"I cinque strumenti scientifici a bordo della sonda continueranno a raccogliere dati e a trasmetterli," spiega Devi Prasad Karnik, a capo dell'ISRO. Alla riunione tenutasi oggi ha partecipato anche il primo ministro Narendra Modi.

Un'immagine ad alta risoluzione di una porzione delle Valles Marineris. Foto ISRO
L'annuncio del prolungamento arriva quasi in concomitanza con la pubblicazione di sei nuove immagini scattate dalla Mars Colour Camera (MCC). "La fotocamera ci ha inviato molte immagini mozzafiato della superficie marziana e del suo clima," prosegue Karnik.

Un cratere da impatto visto a una risoluzione spaziale di circa 19 metri. Foto ISRO
La sonda si trova in un'orbita compresa tra i 500 e gli 80000 chilometri di quota, con un periodo orbitale di 3.2 giorni terrestri, cioè 72 ore, 51 minuti e 51 secondi. L'inserimento orbitale di Settembre aveva reso l'India la quarta potenza spaziale a esplorare Marte da vicino, dopo gli Stati Uniti, l'Unione Sovietica e l'Europa. Solo quest'ultima, prima dell'India, era riuscita a raggiungere Marte con successo al primo tentativo.

Un'immagine di Arsia Mons, un vulcano alto 19 km, circondato da nubi. Foto ISRO
Di particolare interesse per gli scienziati sono i dati dello strumento Methane Sensor for Mars (MSM), un rilevatore di metano. "La nostra sonda sta cercando metano nell'orbita marziana, in quanto è un indicatore della passata presenza di vita su Marte," spiega Karnik. "Se presente, saremo in grado di determinarne la sorgente in termini di biologia e geologia."
Per i primi dati del rilevatore di metano e per le splendide immagini rilasciate in precedenza, vi rimandiamo a quest'altro articolo.
L'India prolunga la sua prima missione marziana L'India prolunga la sua prima missione marziana Reviewed by Pietro Capuozzo on 24.3.15 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.