Una sonda cinese completa un test di rendezvous attorno alla Luna

Un mosaico della Luna e della Terra assemblato a partire da immagini scattate da Chang'e 5-T1. Foto SASTIND/Xinhua
Il modulo di servizio della missione spaziale cinese Chang'e 5-T1 ha completato con successo un esercizio di rendezvous in orbita attorno alla Luna, una pietra miliare fondamentale verso la missione robotica di andata e ritorno dalla superficie del nostro satellite naturale che la Cina ha intenzione di far decollare entro il 2017.
La missione sperimentale Chang'e 5-T1 era decollata a fine Ottobre dello scorso anno con due diversi componenti che hanno viaggiato assieme per la parte iniziale della missione. Il modulo di rientro e il modulo di servizio hanno eseguito insieme un giro intorno alla Luna, sorvolando la faccia nascosta e venendo poi spediti su una traiettoria di rientro verso la Terra. Qui i due veicoli si sono separati e hanno preso due strade diverse: il modulo di rientro ha attraversato l'atmosfera terrestre ed è atterrato con successo, mentre il modulo di servizio ha acceso i suoi propulsori per riportarsi su un'orbita stabile.

Il modulo di rientro di Chang'e 5-T1 era atterrato con vari esseri viventi a bordo nelle steppe della Mongolia a Novembre dell'anno scorso. Foto Xinhua
Avendo evitato il rientro sulla Terra, il modulo di servizio si è portato su un'orbita altamente ellittica, per poi essere trasferito su un'orbita semi-stabile di Lissajous attorno al punto di Lagrange L2, oltre l'orbita lunare. E qui è restato fino al 4 Gennaio, quando Chang'e 5-T1, o quel che ne rimaneva, ha riacceso i suoi propulsori per dirigersi verso la Luna. La cattura in orbita lunare è avvenuta tramite una manovra di inserimento il 10 Gennaio, con una manovra successiva eseguita due giorni più tardi per abbassare l'orbita di cattura di 200 per 5300 chilometri in un'orbita circolare a 200 chilometri di quota e 127 minuti di periodo.

La faccia nascosta della Luna e la Terra fotografate da Chang'e 5-T1. Foto CASC/CCTV
Il 3 Marzo, il modulo di servizio ha iniziato una simulazione di quattro giorni in cui ha ricostruito una normale procedura di avvicinamento e rendezvous a un bersaglio immaginario. Lo scopo era quello di simulare ciò che dovrà avvenire nella missione Chang'e 5 vera e propria, in cui il modulo di ascesa, di ritorno dalla superficie lunare con i vari campioni a bordo, dovrà agganciarsi al modulo di servizio, che sarà rimasto ad aspettarlo in orbita attorno alla Luna. Una volta avvenuto l'aggancio, i campioni verranno trasferiti a un modulo di rientro, che avrà il compito di riportarli sani e salvi sulla superficie terrestre.
Per il test, che si è concluso il 7 Marzo, il modulo di servizio si è dovuto portare su un'orbita ellittica di 18 per 180 chilometri di quota. Ora che le manovre sono state completate con successo, Chang'e 5-T1 procederà alla mappatura di possibili siti di atterraggio per la futura missione Chang'e 5. È probabile che, per ottenere immagini ad alta risoluzione dei siti candidati, il veicolo si tenga sulla sua attuale orbita. Il modulo dovrebbe completare tutti i suoi obiettivi secondari entro Maggio, quando probabilmente cesserà di operare.
Una sonda cinese completa un test di rendezvous attorno alla Luna Una sonda cinese completa un test di rendezvous attorno alla Luna Reviewed by Pietro Capuozzo on 9.3.15 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.