Una sonda si cala nell'atmosfera marziana

In questi cinque giorni, MAVEN si calerà ben 20 volte a soli 130 km dalla superficie marziana. Foto NASA/LASP
La sonda americana MAVEN si sta calando in questo momento negli strati più densi dell'atmosfera marziana. Dopo una serie di manovre, la sonda ha incominciato poco fa una campagna di cinque giorni durante la quale si tufferà più volte verso la superficie del pianeta, cercando di comprendere più a fondo i meccanismi che regolano la sottile ma complessa atmosfera del nostro vicino planetario.

La normale traiettoria di MAVEN (linea continua) contro i suoi "tuffi" (linea tratteggiata). Foto NASA/LASP
Il piano di volo di MAVEN comprende cinque di queste campagne, ognuna delle quali prevede 20 orbite con periareo (il punto più basso dell'orbita) ancor più basso del solito. La prima di queste campagne è iniziata il 10 Febbraio, quando la sonda ha abbassato il suo periareo da 150 a 134 chilometri di quota, tramite una manovra che le ha impartito una variazione di velocità di 3,3 metri al secondo. La seconda manovra, eseguita il giorno seguente, ha abbassato ulteriormente il periareo di altri quattro chilometri, portandolo a 130 chilometri di quota tramite una manovra che ha rallentato la sua velocità di 0.6 metri al secondo.
Con queste manovre, MAVEN spera di attraversare una regione con densità compresa tra 2.0 e 3.5 chili di aria per metro cubo, contro gli 0.05 che incontra durante le sue orbite "normali". Se la sonda si dovesse calare al di sotto dei 125 chilometri di quota, finirebbe per bruciare nell'atmosfera o schiantarsi contro la superficie.
Lo scopo di questi tuffi, ognuno dei quali dura solo dieci minuti per orbita, è raccogliere quanti più dati possibile, con tutti quanti gli strumenti di bordo. Al termine di questa prima campagna, MAVEN riporterà il suo periareo a 150 km di quota tramite altre due manovre.
Una sonda si cala nell'atmosfera marziana Una sonda si cala nell'atmosfera marziana Reviewed by Pietro Capuozzo on 13.2.15 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.