IXV, buona la prima per lo space shuttle italo-europeo!

Il recupero di IXV nel Pacifico. Foto ESA–Tommaso Javidi, 2015
Con quaranta minuti di ritardo dovuti a un problema di telemetria con il veicolo di lancio, il piccolo razzo Vega è decollato con a bordo lo spazioplano italo-europeo IXV. La navicella, priva di ali, ha seguito una traiettoria suborbitale ed è poi ammarata con successo nell'Oceano Pacifico, dove ad attenderla c'era la nave Nos Aries, battente bandiera italiana.

Quello di oggi è stato il quarto decollo di un razzo Vega. Foto ESA
Il lancio era previsto per le 14:00 ora italiana, ma un problema ai sistemi di terra ha costretto i controllori di volo a fermare il countdown a 4 minuti e 25 secondi dal lancio. Dopo un'attesa di quaranta minuti, il countdown è stato riavviato e Vega è decollato con IXV dalla base di lancio di Kourou, nella Guyana Francese.
Il motore P80FW del primo stadio si è accesso alle 14:40, generando una spinta di 3038 mila Newton per 112 secondi. A 53 chilometri di quota, il motore si è spento, seguito dalla separazione e dall'accensione dello Zefiro 23 del secondo stadio, che dopo 102 secondi ha passato il testimone allo Zefiro 9A del terzo stadio. A T+6 minuti e 37 secondi, il terzo stadio si è spento, portando all'accensione del quarto e unico stadio a propellente liquido, l'ucraino AVUM, che tramite una manovra di sei minuti ha portato IXV sulla corretta traiettoria suborbitale a più di sette chilometri al secondo. Lo spazioplano si è separato poco prima delle 15 ora italiana, sotto gli occhi dei controllori del centro di Torino.
Alle 15:11, IXV ha raggiunto la sua massima altitudine di 412 chilometri. Mezz'ora dopo, alle 15:44, ha fatto il suo ingresso nell'atmosfera terrestre, iniziando il pericoloso rientro a 27 mila chilometri orari.
Alle 16:02, con qualche minuto di anticipo, IXV è uscito dal blackout di rientro, contattando l'antenna di Nos Aries. Sotto l'azione della resistenza dell'aria e con l'aiuto del paracadute di frenaggio, IXV ha raggiunto quota 50 km viaggiando a Mach 1.5, dopodiché ha aperto il suo paracadute principale e ha frenato fino a 7 metri al secondo. L'ammaraggio è avvenuto in orario, alle 16:19 ora italiana.
IXV, buona la prima per lo space shuttle italo-europeo! IXV, buona la prima per lo space shuttle italo-europeo! Reviewed by Pietro Capuozzo on 11.2.15 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.