I Pilastri della Creazione, 20 anni dopo

I tre Pilasti della Creazione in M16 visti da Hubble, venti anni dopo l'iconica immagine originale. Foto NASA, ESA, and the Hubble Heritage Team (STScI/AURA)
Molte immagini dello spazio profondo scattate dal telescopio spaziale Hubble hanno fatto il giro del mondo e sono ormai note al grande pubblico, ma ce n'è una che ha lasciato un segno particolare: l'iconico ritratto dei Pilastri della Creazione nella Nebulosa Aquila. L'immagine, risalente al 1995, rivelava dettagli mai visti prima di tre gigantesche colonne di gas bagnate dalla luce ultravioletta proveniente da un ammasso di giovani stelle. Ora, venti anni più tardi, Hubble è tornato a visitare la regione da cui tutto era iniziato, e ci ha emozionato ancora una volta.

La stessa regione vista nel vicino infrarosso rivela un'incredibile quantità di stelle. Foto NASA, ESA, and the Hubble Heritage Team (STScI/AURA)
Le due immagini, una delle quali realizzata nel vicino infrarosso, sono state rilasciate ieri alla conferenza dell'American Astromical Society, in occasione del 25esimo anniversario del telescopio, lanciato verso le stelle il 24 Aprile 1990.
I Pilastri della Creazione, distanti 6500 anni luce dalla Terra, stanno ironicamente collassando, colpiti dalle intense radiazioni delle protostelle che si stanno formando nella zona. L'immagine nel vicino infrarosso rivela l'incredibile quantità di stelle che si nascondono nella regione.
Ma non dobbiamo prendercela con le stelle: è grazie a loro, infatti, e alla loro luce ultravioletta che l'ossigeno, l'idrogeno e lo zolfo dei pilastri brillano e risultano visibili all'occhio di Hubble, che altrimenti non li riuscirebbe a distinguere nell'oscurità cosmica.
Venti anni sono davvero pochi sulla scala temporale dell'universo, ma incredibilmente sono abbastanza da poter intravedere alcune differenze tra la foto risalente al 1995 e quella nuova. Ad esempio, gli scienziati hanno notato che una sottile struttura a getto, probabilmente espulsa da una giovane stella ancora in formazione, si è allungata notevolmente. Secondo la ricostruzione, il getto si è allungato di quasi 100 miliardi di chilometri, viaggiando a una velocità stimata intorno ai 740 mila chilometri orari.
Davanti a immagini così, però, qualunque spiegazione scientifica risulta inutile per comprenderne l'incredibile bellezza.
I Pilastri della Creazione, 20 anni dopo I Pilastri della Creazione, 20 anni dopo Reviewed by Pietro Capuozzo on 6.1.15 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.