Rosetta osserva importanti variazioni nella chioma della sua cometa

Un modello della composizione della chioma di 67P/C-G. Foto ESA/Rosetta/MPS for OSIRIS Team MPS/UPD/LAM/IAA/SSO/INTA/UPM/DASP/IDA
L'atmosfera della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko è un posto molto più movimentato di quanto gli scienziati della missione europea Rosetta si aspettavano. A rivelarlo sono le osservazioni condotte dallo strumento ROSINA, che indicano che la chioma della cometa è molto meno omogenea del previsto e che varia notevolmente nel corso del tempo.
"Ci aspettavamo di osservare un regolare aumento di gas man mano che ci avvicinavamo alla cometa," spiega Myrtha Hassig del Southwest Research Institute, che ha guidato la ricerca. "Invece abbiamo visto picchi nelle letture di acqua e, qualche ora più tardi, in quelle dell'anidride carbonica. Questa variazione potrebbe essere il risultato di un'escursione termica oppure un effetto stagionale."
Il rilascio dei gas è dovuto principalmente al progressivo avvicinamento della cometa al Sole. La cometa toccherà il perielio, ossia il punto della sua orbita più vicino alla nostra stella, ad Agosto di quest'anno, circa un anno dopo essere stata raggiunta da Rosetta.
"Vista da un telescopio, l'atmosfera di una cometa sembra abbastanza uniforme e appare improbabile che cambi completamente nel giro di poche ore," spiega Stephen Fuselier, a capo dello strumento DFMS all'interno di ROSINA. "Di certo è stata una sorpresa vedere i primi cambiamenti già a 200 chilometri di distanza [dal nucleo della cometa]. La composizione della chioma stava variando notevolmente. A scuola ci insegnano che le comete sono composte principalmente da acqua allo stato solido: questa cometa ci ha insegnato che in alcuni periodi la chioma ha più anidride carbonica che vapore acqueo."
Nonostante l'acqua rappresenti in media il segnale più forte rilevato da ROSINA, alcuni picchi dell'anidride carbonica hanno superato il livello di vapore acqueo presente nella chioma.
"Questa scoperta cambierà completamente i nostri modelli sull'espulsione di materiali volatili dai nuclei delle comete, e avrà un forte impatto anche sulla nostra comprensione della formazione e dell'evoluzione delle comete," spiege Hunter Waite dell'SwRI.
Le fluttuazioni nella composizione della chioma indicano che vi possano essere "variazioni giornaliere o stagionali nelle specie espulse," come spiega Hassig. "Quando ho visto i dati per la prima volta, credevo fossero sbagliati, ma dopo aver controllato e ricontrollato, possiamo affermare che 67P ha un rapporto nucleo-chioma molto complicato, con variazioni stagionali forse causate da escursioni termiche al di sotto della superficie della cometa."
Se è vero che le fluttuazioni sono causate da variazioni cicliche giorno-notte, gli scienziati sospettano che la composizione della chioma possa riflettere quella del nucleo. A sua volta, la differenza di composizione del nucleo potrebbe indicare che la formazione della cometa, caratterizzata da un insolito nucleo di natura binaria, potrebbe essere da attribuire alla collisione di due corpi minori provenienti da regioni molto diverse del sistema solare.
Rosetta osserva importanti variazioni nella chioma della sua cometa Rosetta osserva importanti variazioni nella chioma della sua cometa Reviewed by Pietro Capuozzo on 24.1.15 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.