Pronto al decollo un satellite della NASA per studiare l'umidità terrestre

Il decollo del Delta II della ULA è previsto per le 15:20:42 di domani dalla base californiana di Vandenberg. Foto NASA
Un nuovo satellite della NASA che sarà interamente dedicato allo studio dell'umidità del terreno su scala globale decollerà domani alle 15:20 ora italiana a bordo di un razzo Delta II.
Il lancio della missione SMAP era previsto per Novembre dell'anno scorso, ma era slittato fino a questa settimana a causa di alcuni ritardi nella preparazione del veicolo di lancio. La prima opportunità era prevista per ieri, ma il countdown è stato interrotto a soli due minuti dal decollo per dei venti eccessivamente forti in quota. Dopo un rinvio di 24 ore a oggi, il Delta II ha subito un ulteriore rinvio di un altro giorno, giungendo così alla finestra di lancio di domani pomeriggio.

Il Delta II durante la messa in verticale sulla piattaforma di lancio. Foto NASA
Una volta operativo, dall'alto dei suoi 685 chilometri di quota il satellite SMAP userà un potente radar per studiare l'umidità del terreno su scala globale. I dati saranno indispensabili per trovare gli anelli mancanti necessari a collegare i vari cicli della Terra, compresi quello dell'acqua, dell'energia e del carbonio. I dati miglioreranno anche i nostri modelli climatici, permettendo previsioni meteorologiche più precise.
Durante la sua missione primaria di tre anni, SMAP, pesante quasi una tonnellata, userà un'enorme antenna di 360 chili per monitorare le emissioni ambientali a determinate lunghezze d'onda delle microonde. L'acqua, infatti, compresa quella dispersa nel terreno sotto forma di umidità, risponde diversamente alla radiazione delle microonde rispetto al suolo secco. Nello specifico, il contenuto di acqua influenza la potenza della retrodiffusione e della polarizzazione della luce in questa porzione dello spettro elettromagnetico.
In cima al Delta II, accanto a SMAP, decolleranno altri quattro satelliti secondari, tutti e i quanti Cubesat. FIREBIRD II-A & II-B studieranno i microbrillamenti di elettroni nelle fasce di radiazione di Van Allen; GRIFEX consiste in una dimostrazione tecnologica sulla raccolta di dati atmosferici; ExoCube studierà la composizione dell'esosfera terrestre.
Pronto al decollo un satellite della NASA per studiare l'umidità terrestre Pronto al decollo un satellite della NASA per studiare l'umidità terrestre Reviewed by Pietro Capuozzo on 30.1.15 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.