I granelli della cometa di Rosetta sono privi di ghiaccio ma ricchi di sodio

Due dei granelli raccolti da Rosetta alla fine di Ottobre, a una distanza di 10-20 chilometri dal nucleo della cometa 67P/C-G. Foto ESA/Rosetta/MPS for COSIMA Team MPS/CSNSM/UNIBW-TUORLA/IWF/IAS/ESA/ BUW/MPE/LPC2E/LCM/FMI/UTU/LISA/UOFC/vH&S
Le particelle emesse dal nucleo della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko sono piuttosto deboli, o almeno così pare dai primi dati raccolti dallo strumento COSIMA a bordo della sonda europea Rosetta, che sta orbitando intorno alla cometa da quasi mezzo anno. Studiando questi granelli, gli scienziati sperano di poterne ricostruire la composizione e altri parametri fondamentali.
COSIMA è solo uno dei tre strumenti di Rosetta che studiano i granelli di polvere emessi dal nucleo. I risultati di un altro strumento, GIADA, che ha catalogato centinaia di granelli, sono stati pubblicati due giorni fa.
Le particelle che hanno colpito COSIMA misurano tutte più di 0,05 millimetri in diametro, e hanno colpito i sensori dello strumento viaggiando a velocità comprese tra 1 e 10 metri al secondo. Quasi tutti i granelli si sono subito frantumati.
"Il fatto che si siano frammentati con così tanta facilità significa che le parti individuali non erano ben legate assieme," si legge sul comunicato stampa diffuso dall'Agenzia Spaziale Europea. "Inoltre, se avessero contenuto ghiaccio, non si sarebbero frantumati. La parte ghiacciata sarebbe evaporata via dal granello poco dopo l'impatto, lasciando dei buchi. Per confronto, un granello di puro ghiaccio avrebbe lasciato solo una macchiolina scura."
L'analisi chimica delle particelle ha rilevato abbondanti concentrazioni di sodio, in linea con ciò che era già emerso dalle analisi di particelle interplanetarie come quelle delle Perseidi o delle Leonidi.
"Abbiamo scoperto che le particelle di polvere rilasciate dal nucleo poco prima che diventasse attivo nuovamente sono piuttosto morbide," spiega Rita Schulz, che ha guidato la ricerca. "Sono prive di ghiaccio, ma contengono molto sodio. Abbiamo trovato i genitori del materiale interplanetario."
I ricercatori sono giunti a queste conclusioni analizzando i dai raccolti da COSIMA da Agosto a Ottobre, mentre la cometa si spostava da 535 a 450 milioni di chilometri di distanza dal Sole. Gli scienziati sospettano che i granelli rilevati in questo periodo siano in realtà stati prodotti dopo l'ultimo perielio toccato dalla cometa, quando cioè il flusso di gas proveniente dalla superficie non era più in grado di alzare i granelli in "aria" e spingerli lontano.
"Siamo convinti che questi granelli raccolti da Rosetta abbiano avuto origine dallo strato polveroso che si è formato sopra la superficie della cometa dopo il suo ultimo avvicinamento al Sole," spiega Martin Hilchenbach del Max Planck Institute in Germania. "Man mano che l'attività aumenta, questo strato è in fase di rimozione."
La cometa segue un'orbita di sei anni e mezzo con un perielio di 186 milioni di chilometri sopra il Sole. 67P toccherà il suo prossimo perielio ad Agosto di quest'anno.
Riscaldandosi, la cometa sta gettando sempre più gas e acqua nello spazio, spogliandosi quindi dei suoi strati più esterni, e sta generando una chioma che a sua volta potrebbe dare vita una magnetosfera in qualunque momento ormai.
"Crediamo che ad oggi la cometa abbia già perso gran parte del suo mantello di polvere," prosegue Schulz, "e presto ricominceremo ad analizzare dei granelli che avranno proprietà molto diverse."
"Le osservazioni di Rosetta in prossimità del nucleo sono cruciali per aiutarci a collegare ciò che sta accadendo su scale microscopiche con quello che vediamo su scale ben più larghe," aggiunge Matt Taylor dell'Agenzia Spaziale Europea. "Sarà di vitale importanza continuare a monitorare l'evoluzione della cometa mentre si avvicina al Sole."
I granelli della cometa di Rosetta sono privi di ghiaccio ma ricchi di sodio I granelli della cometa di Rosetta sono privi di ghiaccio ma ricchi di sodio Reviewed by Pietro Capuozzo on 26.1.15 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.