Scoperto un pianeta con degli anelli 200 volte più grandi di quelli di Saturno

Gli anelli che avvolgono J1407b hanno oscurato il 95% della luce emessa dalla sua stella per intere settimane. Foto Ron Miller
Con i suoi maestosi anelli, Saturno è a giudizio di molti il pianeta più affascinante del sistema solare. Ma, in confronto al pianeta extrasolare osservato attorno alla stella J1407b, perfino i maestosi anelli di Saturno sembrano minuscoli.
Il sistema di anelli intorno al pianeta J1407b era stato scoperto nel 2012 da uno studio guidato da Erick Mamajek della Rochester University. Solo ora, però, una nuova ricerca condotta dalla stessa università in collaborazione con l'osservatorio olandese di Leiden è riuscita nel tentativo di quantificare alcuni dei parametri fondamentali del sistema, come massa e dimensione. I risultati sono incredibili.


Le analisi, guidate da Matthew Kenworthy di Leiden, hanno portato alla scoperta di più di trenta anelli, ognuno dei quali misura decine di milioni di chilometri in diametro. Gli anelli sono separati tra di loro da una serie di corsie che suggeriscono la presenza di lune extrasolari, simili ai satelliti pastore osservati tra gli anelli di Saturno.
"I dettagli che abbiamo osservato nella curva di luce sono incredibili. L'eclissi [il transito del pianeta davanti alla sua stella osservato dalla Terra] è durata parecchie settimane, ma potevamo vedere rapidi cambiamenti nel giro di poche decine di minuti, come conseguenza delle strutture presenti all'interno degli anelli," ha spiegato Kenworthy. "La stella è troppo lontana per poter osservare gli anelli direttamente, ma basandoci sulle variazioni di luminosità nella luce stellare filtrata attraverso gli anelli siamo stati in grado di costruire un modello dettagliato. Se sostituissimo gli anelli di Saturno con quelli attorno a J1407b, sarebbero ben visibili a occhio nudo di notte e sarebbero molto più grandi della Luna piena."
Le osservazioni sono state portate avanti nell'ambito del progetto SuperWASP, un censimento di pianeti giganti in sistemi solari alieni.
"Questo pianeta è molto più grande di Giove e di Saturno, e il suo sistema di anelli è circa 200 volte più grande di quello attuale di Saturno," ha commentato Mamajek, che ha collaborato alla ricerca. "Per noi, è un super-Saturno."
Secondo i dati ricavati dalla curva di luce, l'anello più esterno ha un diametro di quasi 120 milioni di chilometri, più di duecento volte quello di Saturno. Se ammassate in un unico corpo, le finissime particelle che compongono la struttura probabilmente eguaglierebbero la Terra in termini di massa.
"Se grattugiassimo le quattro lune galileiane e spargessimo le loro polveri in orbita attorno a Giove, formerebbero un anello talmente opaco che un osservatore distante vedendolo transitare di fronte al Sole vedrebbe un'eclissi molto profonda e variegata," spiega Mamajek. "Nel caso di J1407, gli anelli bloccano quasi il 95% della luce emessa da questa giovane stella simile al Sole per giorni interni, quindi di certo c'è abbastanza materiale per formare satelliti."
Gli astronomi infatti sono riusciti a osservare almeno una corsia ben definita. "La spiegazione più ovvia è che un satellite si sia formato e che abbia ripulito la sua orbita," spiega Kenworthy. "La massa del satellite potrebbe essere compresa tra quella della Terra e quella di Marte. Il satellite avrebbe un periodo orbitale di circa due anni attorno a J1407b."
Gli astronomi sospettano che gli anelli si ridurranno notevolmente nei prossimi milioni di anni e che infine scompariranno come conseguenza della formazione di nuovi satelliti al loro interno.
"La comunità scientifica concorda sul fatto che un tempo i pianeti come Giove e Saturno avessero, in una fase primordiale, dei vasti dischi per permettere la formazione di satelliti," aggiunge Mamajek. "Tuttavia, prima che lo scoprissimo nel 2012, nessuno aveva mai osservato un sistema come questo. Siamo davvero di fronte alla prima testimonianza della formazione di lune su scale di milioni di chilometri attorno a un oggetto substellare."
Il pianeta in sé percorre una rivoluzione completa attorno alla sua stella madre in circa un decennio. La sua massa è probabilmente compresa tra le 10 e le 40 volte quella di Giove.
Scoperto un pianeta con degli anelli 200 volte più grandi di quelli di Saturno Scoperto un pianeta  con degli anelli 200 volte più grandi di quelli di Saturno Reviewed by Pietro Capuozzo on 27.1.15 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.