Domani la prima di Orion, il successore degli Space Shuttle

Il Delta 4 della ULA nelle ultime fasi di preparazione prima del decollo di domani.
Mancano meno di ventiquattro ore al più importante lancio della NASA degli ultimi anni. Per la prima volta dal pensionamento degli Space Shuttle, una capsula spaziale in grado di trasportare esseri umani decollerà da suolo statunitense: si tratta di Orion, che Giovedì 4 Dicembre salperà nel suo primo test robotico. Quella di domani sarà la prima volta negli ultimi 42 anni che un veicolo adibito al trasporto di un equipaggio umano si avventura oltre la bassa orbita terrestre, cioè dai tempi dell'Apollo.

Un Atlas IV piuttosto bruciacchiato decolla con il satellite top-secret NROL-65. Foto ULA.
La finestra di lancio si aprirà alle 13:05 di domani ora italiana e si chiuderà alle 15:44. Le previsioni meteorologiche parlano di un 60% di condizioni favorevoli sopra la piattaforma di lancio 37 del Kennedy Space Center in Florida.

La tabella di marcia di EFT-1, il primo volo sperimentale di Orion. Foto Polluce Notizie
Orion decollerà sul più potente razzo americano sul mercato, la versione pesante del Delta 4 della United Launch Alliance. Si tratterà del 369esimo lancio di un razzo Delta, ma solo il ventotottesimo per il Delta 4 e l'ottavo per la sua configurazione più potente, con tre motori RS-68 al primo stadio e un RL10B nello stadio superiore.
Tre minuti e 56 secondi dopo il decollo, i due razzi laterali, alti come palazzi di 15 piani, esauriranno il loro carburante a idrogeno liquido e si separeranno dal razzo. Un minuto e 37 secondi dopo, si separerà anche il razzo centrale del primo stadio. Una quindicina di secondi più tardi, cioè a 5 minuti e 49 secondi dal decollo, si accenderà il secondo stadio, che porterà Orion su un'orbita preliminare con una manovra di 11 minuti e 50 secondi.
Un'orbita dopo, per la precisione un'ora, 55 minuti e 26 secondi dopo il decollo, il motore dello stadio superiore si riaccenderà per portare Orion a 5800 chilometri di altitudine. La manovra durerà circa quattro minuti e mezzo, dopodiché il motore si spegnerà per la sua seconda e ultima volta.
Dopo aver attraversato per circa un quarto d'ora la fascia interna di Van Allen, Orion si separerà dal modulo di servizio, per prepararsi a un rientro estremo. Orion rientrerà nell'atmosfera terrestre a 32 mila chilometri orari, incendiandosi fino a temperature di 2200 gradi centigradi.
Quattro ore, 23 minuti e 20 secondi dopo il decollo, Orion completerà un ammaraggio a 32 chilometri orari nel Pacifico, calandosi con i tre paracadute principali.
Domani la prima di Orion, il successore degli Space Shuttle Domani la prima di Orion, il successore degli Space Shuttle Reviewed by Pietro Capuozzo on 3.12.14 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.