Il suono dell'atterraggio di Philae


Una manciata di secondi, non di più. Un tonfo, un suono sordo, e nient'altro. Ma è un tonfo che ha scritto la storia: è il tonfo della sonda spaziale Philae sulla superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. "Il contatto con la superficie è stato breve, ma possiamo ricavarne molte informazioni," spiega Martin Knapmeyer del DLR.
Le registrazioni provengono dall'esperimento CASSE a bordo dello strumento SESAME, che ha monitorato le vibrazioni all'interno del veicolo durante tutta la fase di discesa. CASSE ha rilevato le vibrazioni dovute alla ruota di reazione di Philae e al primo dei tre contatti con la superficie, e le ha convertite in suoni. I dati di CASSE hanno confermato che, dopo il primo rimbalzo, Philae ha impiegato quasi due ore per toccare nuovamente il suolo della cometa e rimbalzare una seconda volta. I dati acustici confermano inoltre i dati raccolti dallo strumento MUPUS, che ha scoperto che Philae è atterrato su una dura lastra di ghiaccio coperta da una ventina di centimetri di polvere.
"Dai nostri dati possiamo determinare che non c'è stato nessun secondo atterraggio subito dopo il primo," spiega Knapmeyer. "Philae è atterrato su uno strato di materiale morbido spesso parecchi centimetri. Qualche millisecondo dopo, le tre gambe robotiche hanno incontrato uno strato duro, probabilmente ghiacciato."
CASSE ha continuato a monitorare l'ambiente attorno al lander, alla ricerca di preziose informazioni che potessero chiarire le proprietà del sito di atterraggio. I suoi sensori hanno perfino rilevato il martello di MUPUS tentare invano di perforare il duro strato di ghiaccio.
Gli altri due componenti dello strumento SESAME, gli apparati DIM e PP, hanno trasmesso altri importanti dati durante le 67 ore di attività del lander sulla superficie della cometa. L'analisi preliminare dei dati raccolti da DIM è giunta alla conclusione che il sito in cui si trova Philae in questo momento non presenta particolare attività. L'esperimento PP ha confermato la presenza di acqua allo stato solido al di sotto di Philae.
Per più informazioni sui risultati raccolti da MUPUS, vi invitiamo a leggere questo articolo.
Il suono dell'atterraggio di Philae Il suono dell'atterraggio di Philae Reviewed by Pietro Capuozzo on 20.11.14 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.