Le prime foto ultraviolette della cometa Siding Spring

Le concentrazioni di idrogeno nella chioma di Siding Spring, in un'osservazione condotta dalla sonda americana MAVEN. Foto NASA/Laboratory for Atmospheric and Space Physics/Univ. of Colorado.
La sonda spaziale americana MAVEN è da poche settimane in orbita attorno a Marte e già si è potuta godere uno spettacolo che capita una volta ogni milione d'anni: il passaggio estremamente ravvicinato di una cometa proveniente dalla periferia del sistema solare.
Lo spettrografo ultravioletto a bordo di MAVEN è riuscito a fotografare e mappare la chioma della cometa Siding Spring il 17 Ottobre, due giorni prima che la cometa sfrecciasse a 200 mila chilometri al secondo, 140 mila chilometri sopra la superficie marziana.
Le immagini ultraviolette, scattate da 8,5 milioni di chilometri di distanza, mostrano le concentrazioni di idrogeno atomico nella chioma della cometa. Questo idrogeno si è creato in seguito alla vaporizzazione dell'acqua presente nei ghiacci della cometa. Le radiazioni ultraviolette emanate dal Sole sono in grado di spezzare il legame che unisce idrogeno e ossigeno e liberare i due elementi, come visibile in questa foto scattata dallo strumento IUVS. La foto è in realtà il risultato di due diverse osservazioni, unite e ritoccate per eliminare le emissioni provenienti dall'idrogeno attorno a Marte.
L'idrogeno osservato da MAVEN si estende fino a 150 mila chilometri dal nucleo della cometa, più o meno la distanza che avrebbe separato Siding Spring e Marte due giorni dopo le osservazioni.
Per ora, solo la sonda MRO e il rover Opportunity hanno inviato i loro scatti dell'incontro-record, ma la NASA ha annunciato che gran parte dei dati, immagini comprese, devono ancora essere scaricati, processati e pubblicati. L'attesa, speriamo, verrà ripagata.
Le prime foto ultraviolette della cometa Siding Spring Le prime foto ultraviolette della cometa Siding Spring Reviewed by Pietro Capuozzo on 23.10.14 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.