La Cina pronta alla sua prima missione con esseri viventi verso la Luna

Quasi un anno fa, la Cina completava il suo primo allunaggio robotico, con il rover Yutu. Foto Xinhua/Marco Di Lorenzo/Ken Kremer
Entro la fine dell'anno, la Cina lancerà la sua prima missione lunare di andata e ritorno. Una versione modificata della capsula per equipaggio Shenzhou decollerà a bordo di un razzo Long March 3C, si inserirà in orbita attorno alla Luna e rientrerà sulla Terra, secondo il piano di volo.
La missione era inizialmente progettata per girare intorno alla Luna e tornare indietro, ma secondo gli ultimi dati rilasciati dall'agenzia stampa governativa, la capsula si inserirà in orbita attorno alla Luna prima di ripartire per la Terra. Un piano di volo simile quindi a quelli dell'Apollo 8 e 10 degli Stati Uniti negli anni '60.
La missione avrà due obiettivi principali: quello ufficiale sarà di provare le operazioni necessarie per una futura missione in grado di atterrare sulla superficie lunare e riportare sulla Terra dei campioni di regolite. Il secondo scopo, che la Cina in realtà non ha mai esplicitato, è quello di prepararsi a una futura missione lunare con equipaggio umano: altrimenti, perché usare una capsula Shenzhou?
Niente dati scientifici, quindi, ma solo test ingegneristici e dimostrazioni tecnologiche. Rientrare da un viaggio lunare è molto più impegnativo che ritornare dalla bassa orbita terrestre: richiede una navigazione più precisa e comporta velocità di rientro molto più elevate e pericolose. La Cina ha dimostrato decenni fa di cavarsela con i rientri dall'orbita terrestre, ma mai ancora dalla Luna.
La Cina non ha ancora fornito dati sulle dimensioni della capsula, né sul suo volume interno. Tuttavia, molti esperti del settore spaziale si sono fatti qualche idea del possibile carico utile della Shenzhou. Le ipotesi vanno dai sensori di radiazione, essenziali per verificare quanto la sonda protegga gli astronauti dalle letali radiazioni dello spazio, a esperimenti biologici. La Cina ha più volte portato nello spazio delle piccole coltivazioni di semi. Studiandone la germinazione una volta rientrati sulla Terra, gli scienziati potranno misurare gli effetti della microgravità su degli esseri viventi.
In molti sospettano poi che a bordo della Shenzhou ci sarà spazio anche per dei microorganismi e dei tessuti cellulari di animali più complessi. Magari anche dei piccoli insetti, come dei moscerini della frutta, tra i più impiegati negli esperimenti spaziali. Recentemente, una sonda russa è diventata la tomba di cinque gechi, morti nello spazio per motivi su cui si sta ancora indagando. I moscerini a bordo della stessa sonda, al contrario, sono rientrati illesi sulla Terra.
La Cina, che quasi un anno fa completava il suo primo allunaggio robotico con il rover Yutu della missione Chang'e 3, non è famosa per diffondere troppi particolari sulle sue missioni, tanto che non si sa se lo stesso Yutu sia ancora attivo dopo il guasto che lo aveva paralizzato o meno. La nuova missione lunare potrebbe quindi decollare da un giorno all'altro, probabilmente entro un mese, dato che l'arrivo dell'inverno complicherebbe le procedure di lancio e rientro.
La Cina pronta alla sua prima missione con esseri viventi verso la Luna La Cina pronta alla sua prima missione con esseri viventi verso la Luna Reviewed by Pietro Capuozzo on 11.10.14 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.