Un nuovo ed enorme mistero si nasconde nei mari alieni di Titano

La sonda italo-statunitense Cassini ha un nuovo e misterioso caso su cui lavorare nei mari di Titano. Foto NASA/JPL-Caltech/ASI/Cornell.
Titano, una luna di Saturno, è uno dei mondi più misteriosi e interessanti del sistema solare. Secondo gli scienziati, Titano assomiglia molto a come doveva essere la Terra nella sua età primordiale, con laghi, fiumi, oceani, precipitazioni e iceberg di idrocarburi. Ora, la sonda spaziale Cassini ha collezionato un ulteriore tassello che rende il puzzle di Titano ancor più misterioso.
La NASA ha diffuso un breve comunicato in cui annuncia la scoperta di una misteriosa struttura di 260 chilometri quadrati in Ligeia Mare, uno dei mari di idrocarburi di Titano. La struttura è apparsa due volte nei dati del radar a bordo di Cassini, ma pare che stia cambiando forma.
La struttura è stata osservata per la prima volta nel Luglio 2013, in una regione che negli anni precedenti non aveva mai presentato anomalie rilevabili da Cassini. La questione aveva lasciato senza parole gli scienziati, ma il fatto che i successivi flyby di Cassini non fossero riusciti a rilevare per la seconda volta la struttura fece credere che si trattasse di un'anomalia di natura effimera o addirittura di un errore nei dati. Finché, il 21 Agosto 2014, la struttura è riapparsa, e ben diversa da come gli scienziati l'avevano lasciata 11 mesi prima.
Ora, gli scienziati a capo del radar di Cassini hanno escluso categoricamente la possibilità che si tratti di un artefatto, cioè di un'anomalia nei dati, che chiaramente sarebbe stata la spiegazione più comoda e immediata.
Gli scienziati hanno dovuto scartare anche l'ipotesi che la struttura sia il risultato di un'improvvisa evaporazione, in quanto i confini di Ligeia Mare sono restati pressoché immutati. Le uniche spiegazioni finora sono quelle che si tratti di onde, bolle, solidi galleggianti o solidi appena al di sotto del livello dell'acqua, ma, data la frequenza con cui Titano ci sorprende, gli scienziati non escludono che si possa trattare di qualcosa di più esotico, come un fenomeno ancora sconosciuto.
Forse, il fatto che questa struttura stia emergendo in contemporanea con l'arrivo dell'estate non è un caso. Si tratta di un indizio importante, e uno degli obiettivi della missione prolungata di Cassini è proprio quello di monitorare variazioni stagionali su Saturno e Titano.
Proprio su Titano erano state osservate qualche mese fa delle onde, le prime a essere scoperte in un mondo extraterrestre. Di recente, Cassini ha anche scoperto un'isola fantasma che compare e scompare dai mari di Titano.
"Siamo fiduciosi di poter continuare a monitorare gli sviluppi della situazione e capire cosa sta succedendo in questo mare alieno," spiega Stephen Wall della NASA. "La scienza ama i misteri." E, aggiungiamo noi, anche Titano ama i misteri.
Un nuovo ed enorme mistero si nasconde nei mari alieni di Titano Un nuovo ed enorme mistero si nasconde nei mari alieni di Titano Reviewed by Pietro Capuozzo on 30.9.14 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.