Un massiccio asteroide sfiora la Terra

L'asteroide HQ124, grande più di una portaerei, ha sfiorato la Terra passando a 50 mila km/h. © NASA/JPL-Caltech/Arecibo Observatory/USRA/NSF 
Un enorme blocco di pietra ha sfiorato qualche settimana fa il nostro pianeta, passando tre volte più in là della Luna – una distanza sicura, ma in termini cosmici un incontro davvero ravvicinato. Il massiccio asteroide 2014 HQ124, grande più di una portaerei, viaggiava a una velocità di 50 mila chilometri orari quando i ricercatori della NASA gli hanno puntato addosso un enorme radiotelescopio.
L'asteroide, soprannominato «La Bestia» dai ricercatori per le sue massicce dimensioni, è passato accanto al nostro pianeta l'8 Giugno.
«Queste osservazioni radar mostrano che l'asteroide in realtà è una bellezza, non una bestia», commenta Alessondra Springmann dell'Osservatorio di Arecibo che, con i suoi 305 metri di diametro, è il più grande telescopio mai costruito.
Le osservazioni radar fornite da Arecibo mostrano che HQ124 ha una forma ad arachide, il che suggerisce che si sia formato dall'incontro di due asteroidi più piccoli.
I dati di Arecibo sono stati arricchiti con le osservazioni raccolte dall'antenna di 70 metri della NASA a Goldstone, in California, e da un'altra antenna di 34 metri, sempre in California. L'unione di questi tre strumenti ha permesso agli scienziati di ottenere un quadro senza precedenti di un asteroide near-Earth.
Le immagini mostrano HQ124 sorvolare la Terra a una distanza sicura ma ravvicinata di 1,25 milioni di chilometri. Ogni immagine è il frutto di un'esposizione di 10 minuti, con una risoluzione massima di circa 3,75 metri per pixel.
I fotogrammi mostrano una grande depressione attorno al lobo principale, degli affioramenti geologici all'altra estremità e un rilievo in prossimità dell'unione dei due lobi.
Alla ricerca si sono poi uniti altri telescopi nel Texas, nel New Mexico e nell'Arizona per determinare la velocità di rotazione del massiccio corpo celeste.
«Usando più telescopi per tracciare il movimento dell'eco radar di un asteroide, possiamo determinare la sua rotazione», spiega Michael Busch, radioastronomo presso l'istituto SETI. «Facendo ciò, scansiamo le ambiguità delle immagini radar e possiamo fare previsioni a lungo termine sulla sua traiettoria».
L'asteroide, classificato come PHA, cioè potenzialmente pericoloso, tornerà a farci visita nel Novembre 2017, ma passando ancor più distante. Ciò non significa che Goldstone e Arecibo potranno prendersi una pausa: con altri 1483 asteroidi PHA là fuori e molti altri ancora da scoprire, il lavoro è appena iniziato.
Un massiccio asteroide sfiora la Terra Un massiccio asteroide sfiora la Terra Reviewed by Pietro Capuozzo on 19.6.14 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.