Tutto pronto per la più importante sveglia del sistema solare

Rosetta sta inseguendo da più di un decennio la sua destinazione finale, la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko.
(C) ESA-C. Carreau/ATG Medialab
Alle 11 di domani, 20 Gennaio, l'Agenzia Spaziale Europea farà suonare la sveglia più importante della sua storia — quella che sveglierà la sonda Rosetta da quasi mille giorni di ibernazione. La sonda ha vagato per il sistema solare per 10 anni, visitando tre volte la Terra, Marte e due asteroidi, inseguendo la sua destinazione finale: la cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko, sulla quale atterrerà fra pochi mesi.
La sonda era stata messa in ibernazione nel 2011, quando aveva iniziato a risalire lungo la sua orbita verso Giove e ad allontanarsi dal Sole. Domani, a 957 giorni dall'inizio dell'ibernazione, la sonda verrà risvegliata.
Fra qualche mese, Rosetta rilascerà il lander Philae, che scenderà e atterrerà sulla superficie della cometa.
(C) ESA-C. Carreau/ATG Medialab
Rosetta sta scendendo lungo la sua orbita e si trova ora a 673 milioni di chilometri dal sole — una distanza che gli ingegneri ritengono sufficiente per far tornare operativi tutti i sistemi di bordo.
Il computer, rimasto parzialmente attivo assieme a vari dispositivi per il riscaldamento, è stato impostato per risvegliare i sistemi alle 11 di domani ora italiana.
La sveglia accenderà i propulsori, che effettueranno una piccola manovra per annullare la rotazione della sonda e per orientare nuovamente i pannelli solari verso il Sole. Subito dopo, si accenderà il sistema di navigazione, basato sul riconoscimento delle stelle, che impiegherà sei ore a entrare completamente in funzione e a determinare l'assetto del veicolo.
Accesi tutti i sistemi, Rosetta si girerà verso la Terra, accenderà il suo trasmettitore e punterà la sua potente antenna verso il nostro pianeta, per avvisarci della riuscita delle operazioni.
Rosetta dista poco più di 807 milioni di chilometri dalla Terra, e quindi il suo segnale impiegherà circa 45 minuti a raggiungere le stazioni di terra. I primi segnali dovrebbero arrivare tra le 18:30 e le 19:30.
Molte orecchie robotiche saranno puntate verso la sonda, tra cui l'antenna di 70 metri della NASA a Goldstone, in California. Dall'altra parte del mondo, a Canberra, in Australia, l'antenna New Norcia di 35 metri sarà la prossima della fila. Il segnale sarà subito girato all'ESOC, il centro operativo dell'ESA a Darmstadt, in Germania.
Tutto pronto per la più importante sveglia del sistema solare Tutto pronto per la più importante sveglia del sistema solare Reviewed by Pietro Capuozzo on 19.1.14 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.