Scoperti geyser di vapore acqueo sul pianeta nano Cerere

Cerere, il primo asteroide scoperto e tutt'oggi il più grande conosciuto, è anche il primo a presentare attività tipiche delle comete, come i getti di acqua da poco scoperti.
© ESA/ATG medialab
Il telescopio spaziale Herschel ha confermato la presenza di vapore acqueo sul più grande oggetto della fascia asteroidale del sistema solare, il pianeta nano Cerere.
Le nuove osservazioni del telescopio spaziale europeo suggeriscono che dalla superficie di Cerere eruttino periodicamente dei geyser di vapore acqueo.
Il grafico della variabilità dei getti di acqua di Cerere, e le due possibili sorgenti principali individuate in una mappa di Hubble.
Adattata da Küppers et al.
Cerere è un pianeta nano, ossia un corpo sferoidale a metà strada tra un pianeta e un asteroide, e vanta un diametro di ben 950 chilometri. È stato il primo asteroide ad essere scoperto e per mezzo secolo è stato considerato l'ottavo pianeta del sistema solare.
«È la prima volta che rileviamo inequivocabilmente la presenza di acqua su Cerere o su un qualunque altro oggetto nella fascia asteroidale e [questa scoperta] fornisce le prove che Cerere ha una superficie ghiacciata e un'atmosfera», spiega Michael Küppers dell'Agenzia Spaziale Europea in Spagna, autore dell'articolo sulla scoperta apparso su Nature.
La scoperta arriva poco più di un anno prima dell'inserimento in orbita della sonda americana Dawn proprio attorno a Cerere. La missione della NASA ha studiato l'asteroide Vesta per più di un anno e si sta ora dirigendo verso il pianeta nano, che raggiungerà nella primavera del 2015.
«Abbiamo una sonda in dirittura d'arrivo su Cerere, quindi non dovremo aspettare molto per raccogliere dati più approfonditi su questo affascinante risultato, direttamente dalla fonte stessa», spiega Carol Raymond della missione americana. «Dawn mapperà la geologia e la chimica sulla superficie in alta risoluzione, rivelando i processi che causano le attività di degassamento».
Si pensa che Cerere ci nasconda sotto la sua superficie un mantello di ghiaccio che, se fuso, supererebbe la quantità di acqua fresca disponibile sull'intera Terra. Cerere è formato da rocce create nei primi milioni di anni del nostro sistema solare e che sono state da allora preservate sulla sua superficie.
La visione nel lontano infrarosso di Herschel è stata decisiva per trovare la tanto attesa firma del vapore acqueo attorno a Cerere – la stessa firma che era già più volte sfuggita proprio a Herschel. Il telescopio è riuscito a rilevare la firma tre volte su quattro.
Gli astronomi pensano che, mentre Cerere si trova nella parte più vicina al Sole della sua orbita, parte della superficie ghiacciata inizi a riscaldarsi, causando l'espulsione di vapore acqueo in getti a ritmi di 6 chili al secondo.
Il segnale della firma osservata da Herschel è variato molto nel corso di ore, settimane e mesi. Secondo gli scienziati, i getti sarebbero concentrati in un emisfero, e così mentre il pianeta nano ruota sul suo asse, questi getti compaiono e scompaiono regolarmente.
Si pensa che i due getti principali siano due punti più scuri osservati in precedenza sulla superficie di Cerere dal telescopio spaziale americano Hubble e da altri telescopi terrestri.
Gli astronomi si sono detti sorpresi da questi risultati: di solito sono le comete a presentare attività di questo tipo, come getti, geyser e pennacchi, mentre gli asteroidi sono corpi morti privi di attività.
«Il confine tra asteroidi e comete si sta facendo sempre più sfocato», spiega Suengwon Lee della NASA, che ha costruito dei modelli dei getti di Cerere assieme al collega Paul von Allmen.
«Conoscevamo qualche asteroide della fascia principale che presenta attività cometarie, ma questa è la prima misurazione di vapore acqueo in un oggetto asteroidale», conclude il ricercatore.

Seguici su +Polluce Notizie!
Scoperti geyser di vapore acqueo sul pianeta nano Cerere Scoperti geyser di vapore acqueo sul pianeta nano Cerere Reviewed by Pietro Capuozzo on 23.1.14 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.