Creata la mappa più precisa delle dimensioni dell'Universo

Gli astronomi hanno effettuato la misurazione più precisa delle dimensioni e della curvatura dell'Universo analizzando le oscillazioni acustiche dei barioni (BAO, le sfere nell'immagine), che sono usate come righello celeste.
© Zosia Rostomian, Lawrence Berkeley National Laboratory
Un gruppo di astronomi ha studiato più di un milione di galassie distanti miliardi di anni luce per creare la mappa più dettagliata dell'Universo. Usando questi dati, gli astronomi sperano di far luce sulle proprietà dell'energia oscura, una misteriosa forza opposta a quella di gravità, e sul destino del cosmo.
La mappa è stata creata nell'ambito del progetto BOSS e ha una precisione record dell'uno percento – in termini spaziali, un risultato sensazionale.
I ricercatori hanno mappato 1,2 milioni di galassie distanti fino a 6 miliardi di anni luce per realizzare questo nuovo ritratto del nostro Universo.
«Non ci sono molte cose nella nostra vita quotidiana che conosciamo con una precisione dell'1%», spiega David Schlegel, fisico presso il Lawrence Berkeley National Laboratory. «Ora conosco le dimensioni dell'Universo meglio di quelli di casa mia».
I risultati sono eccezionali. La mappa conferma il concetto di costante cosmologica usato da Albert Einstein nelle sue equazioni, suggerendo che l'energia oscura – la forza che separa le galassie e tira l'Universo – sia rimasta costante nel corso dei miliardi di anni.
«Non comprendiamo ancora la natura dell'energia oscura, ma possiamo misurare le sue proprietà», spiega Daniel Eisenstein dell'Università di Harvard. «Poi confrontiamo quei valori con le nostre previsioni, basate sulla nostra attuale comprensione dell'Universo. Più le misurazioni sono precise, più possiamo imparare».
I risultati, presentati al meeting dell'American Astronomical Society, ci forniscono anche la più precisa misurazione della curvatura dello spazio di sempre. L'Universo è abbastanza piatto, e può quindi essere facilmente descritto con la geometria euclidea.
«Una delle ragioni per cui ci interessa è che un universo piatto determina se l'Universo è infinito o no», spiega Schlegel. «Ciò significa che – anche se non possiamo dire con certezza che l'Universo non avrà mai fine – è probabile che l'Universo si estenda nello spazio e nel tempo per sempre. I nostri risultati appoggiano un universo infinito».
«In una sera limpida, se tutto va bene, possiamo aggiungere più 8 mila galassie e quasar alla mappa», commenta Kaike Pan del team.
«Le ricerche future», conclude Schlegel, «continueranno lungo questo cammino, riempiendo sia questa mappa dell'Universo, sia l'enorme volume di spazio che dobbiamo ancora mappare e lo faranno a una precisione ancora maggiore».

Seguici su +Polluce Notizie!
Creata la mappa più precisa delle dimensioni dell'Universo Creata la mappa più precisa delle dimensioni dell'Universo Reviewed by Pietro Capuozzo on 11.1.14 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.