Ristabiliti tutti i contatti con la sonda europea Rosetta

Andrea Accomazzo, manager delle operazioni della missione, esulta per l'arrivo del primo segnale di Rosetta dopo quasi mille giorni di ibernazione.
Dopo lo spettacolare risveglio di Rosetta da un'ibernazione record di 31 mesi, avvenuto due giorni fa, i controllori sono riusciti a ristabilire pieni contatti con la sonda europea in dirittura d'arrivo alla sua destinazione finale, una cometa.
Il primo segnale di Rosetta spicca sugli schermi del centro operativo europeo a Darmstadt, in Germania, dove il team stava monitorando la sonda.
© ESA / Jürgen Mai
Il primo segnale è stato ricevuto alle 19:18 ora italiana del 20 Gennaio, dopo quasi mille giorni di letargo. Il team ha già analizzato tutti i parametri di base, e tutto risulta nominale. [Leggi: Rosetta si risveglia e chiama casa, dopo un'ibernazione da record]
Solo la temperatura dei serbatoi di propellente è di 7-9 gradi centigradi invece dei 10-15 previsti, ma il valore rientra comunque nelle stime.
I pannelli solari hanno ripristinato l'alimentazione energetica a un livello quasi identico a quello dell'estate 2011, quando la sonda entrò in ibernazione. Inoltre, i pannelli sembrano ancora in ottimo stato dopo 31 mesi di abbandono.
Il team ha iniziato ieri a lavorare sulla memoria dei processori, per verificarne le condizioni e lo spazio disponibile. Il prossimo passo importante sarà riscaldare i giroscopi e farli entrare in funzione, ma ci vorranno parecchi giorni.
Il segnale è stato acquisito con circa 18 minuti di ritardo rispetto alle previsioni, a una decina di minuti dalla chiusura della finestra, ma questo ritardo non ha avuto alcuna conseguenza. Il team ha spiegato che il leggero ritardo potrebbe essere stato causato da un riavvio automatico del computer di bordo all'inizio della sequenza di riattivazione post-ibernazione, ma ciò non avrebbe compromesso lo stato di salute dei sistemi.
Il segnale iniziale viaggiava a una velocità di meno di 8 bit al secondo – in sostanza, non diceva nient'altro che, «eccomi qua, sono sveglia», o «ciao, mondo!» come la stessa sonda ha annunciato su Twitter. Ora, il team ha spostato il trasmettitore di Rosetta sulla banda-X e la velocità è aumentata a 9 kilobit al secondo.
Il segnale è stato ricevuto dalla stazione di terra della NASA a Canberra e da quella europea a New Norcia. Da ieri, Canberra è diventata la stazione di riserva, mentre quella di Goldstone è ora quella principale.

Per più informazioni su Rosetta e sulla sua missione, clicca qui.
Seguici su +Polluce Notizie!
Ristabiliti tutti i contatti con la sonda europea Rosetta Ristabiliti tutti i contatti con la sonda europea Rosetta Reviewed by Pietro Capuozzo on 22.1.14 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.