Fuga di ammoniaca sulla Stazione Spaziale

Alle 17:30 di ieri, l'equipaggio dell'Expedition 35 ha riferito di aver osservato delle piccole nubi biancastre allontanarsi dalla Stazione, più precisamente dal segmento a travatura reticolare P6. Il Centro di Controllo Missione ha analizzato le immagini riprese dalle telecamere esterne per studiare meglio la perdita e localizzarla con più precisione.

Il team ha confermato che si tratta di ammoniaca, fuoriuscita dal sistema di raffreddamento. Questo sistema viene usato per raffreddare gli impianti che forniscono elettricità ai vari apparati della Stazione.
Una simile perdita era già stata registrata a novembre dell'anno scorso.
La Stazione, come conferma la NASA, non è in pericolo, e nemmeno il suo equipaggio. Ogni fila di pannelli solari ha il suo sistema di raffreddamento. Quello interessato da questa perdita potrebbe smettere di operare fra circa 48 ore. Dopo questo periodo, l'ammoniaca sarà del tutto consumata, rendendo quasi impossibile la precisa localizzazione della fuga.
Vladimir Soloviov della Roscosmos ha riferito che gli esperti russi e americani discuteranno oggi su un'eventuale passeggiata spaziale d'emergenza per domani.
«La decisione non è ancora stata presa. Ne discuteremo oggi. In generale non abbiamo obiezioni. Hanno incontrato un problema serio, è un problema molto serio», spiega Soloviov.
«La fuga di ammoniaca si è verificata nella sezione americana e non è critica», ha spiegato Alexiei Krasnov.

Fuga di ammoniaca sulla Stazione Spaziale Fuga di ammoniaca sulla Stazione Spaziale Reviewed by Pietro Capuozzo on 10.5.13 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.