Anche Opportunity scopre un antico ambiente abitabile su Marte

Il rover marziano Opportunity ha abbandonato, dopo ben 20 mesi, l'area di Cape York, e si sta ora dirigendo verso una nuova regione. Prima di abbandonare Cape York, però, il rover ha analizzato una roccia intensamente alterata dall'acqua, una roccia diversa da tutte le altre che Opportunity ha analizzato in questi nove anni.
La roccia, chiamata Esperance, fornisce le prove della presenza di un antico ambiente umido potenzialmente abitabile, come quello scoperto dal rover Curiosity qualche mese fa.
«Esperance è talmente importante che abbiamo aspettato molte settimane per ottenere questa analisi, anche se sapevamo che le lancette andavano avanti», spiega Steve Squyres della Cornell University a Ithaca, New York.
«Ciò che è speciale di Esperance è che c'è stata talmente tanta acqua da non solo causare le reazioni che hanno prodotto i minerali argillosi, ma anche spazzare via gli ioni liberati da quelle reazioni», spiega Scott McLennan della State University of New York.
Opportunity, nei suoi nove anni trascorsi sulla superficie del Pianeta rosso, non si era mai imbattuto in una roccia con percentuali così elevate di alluminio e silicio, e percentuali così basse di calcio e ferro.
Il team di Opportunity aveva fissato questa settimana come la scadenza per le analisi della roccia, e quindi l'inizio della lunga camminata verso la nuova destinazione del rover, Solander Point.
Solander Point si trova, come Cape York, sul bordo occidentale del cratere Endeavour, ed è dove il team vuole che il rover trascorra il suo prossimo inverno marziano. Opportunity aveva raggiunto il cratere Endeavour, largo 22 chilometri, dopo una camminata di due anni da un cratere minore.
«A causa della quantità di polvere sui nostri pannelli solari, dobbiamo raggiungere un'area che sia di 15 gradi inclinata verso nord, prima che inizi il sesto inverno di Opportunity», spiega Scott Lever del JPL. «Solander Point ci offre esattamente quell'inclinazione e, forse, ci permetterà di muoverci un po' anche in inverno». L'inverno nell'emisfero australe culminerà nel Febbraio dell'anno prossimo.
Opportunity ha percorso 24,9 metri il 14 Maggio. Tre giorni prima, aveva fratturato la roccia Esperance, rivelandone gli strati più interni. Il team ha poi usato la fotocamera e lo spettrometro sul braccio robotico del rover per analizzare la roccia.
L'area era stata studiata dallo strumento CRISM a bordo dell'orbiter americano MRO, che aveva rilevato la presenza di minerali argillosi, ossia che si formano in ambienti umidi e non troppo acidi. Opportunity aveva già osservato un affioramento chiamato Whitewater Lake che presentava piccole quantità di argilla alterate dall'esposizione all'acqua.
«Sembra che si sia stata una lunga ma debole alterazione di Whitewater Lake, ma un'intensa alterazione di Esperance lungo fratture che fornivano condotti al flusso dell'acqua», continua Squyres. «L'acqua che potrebbe essersi mossa lungo le fratture di questa roccia potrebbe aver originato condizioni più favorevoli alla biologia di qualsiasi altro ambiente umido studiato da Opportunity».
Opportunity è stato lanciato il 7 Luglio 2003, un mese dopo il suo gemello Spirit. Entrambi dovevano sopravvivere solamente tre mesi, ma oggi, nove anni dopo, Opportunity è ancora attivo, e ieri è diventato il veicolo americano ad aver coperto una distanza maggiore di qualsiasi altro sulla superficie di un altro corpo. Spirit si è insabbiato nel 2010.


© immagine
NASA/JPL-Caltech/Cornell/Arizona State Univ.
Anche Opportunity scopre un antico ambiente abitabile su Marte Anche Opportunity scopre un antico ambiente abitabile su Marte Reviewed by Pietro Capuozzo on 19.5.13 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.