Scoperto un sistema stellare dietro l'angolo

Un ricercatore della Penn State University ha scoperto il terzo sistema stellare più vicino alla Terra. L'ultima scoperta di un sistema stellare così vicino a noi risale a quasi un secolo fa. Le due stelle che compongono questo sistema binario sono delle nane brune, ossia stelle troppo poco massicce per innescare reazioni di fusione nucleare, e sono perciò a metà strada tra stelle e pianeti giganti.
«La distanza di questa coppia di nane brune è 6.5 anni luce – sono così vicine che le trasmissioni terrestri del 2006 sono già arrivate lì», ha spiegato il ricercatore Kevin Luhman. «Sarà un ottimo terreno di caccia di pianeti per la sua vicinanza alla Terra, il che renderebbe l'osservazione di eventuali pianeti in orbita attorno a una delle nane brune molto più facile». Luhman ha poi aggiunto che potrebbe essere una delle destinazioni per future missioni con equipaggio al di fuori del nostro sistema solare, ma per missioni simili naturalmente dovremo aspettare ancora molto.
Il sistema, noto come WISE J104915.57-531906, è stato scoperto studiando una mappa del cielo realizzata dal telescopio americano WISE.
Questo sistema è appena più lontano dalla Terra rispetto al secondo sistema a noi più vicino, quello della Stella di Barnard, distante 6 anni luce e scoperto nel 1916. Il sistema stellare più vicino al nostro pianeta è quello triplo di Alpha Centauri, a 4.4 anni luce, e di Proxima Centauri, a 4.2 anni luce. Alpha Centauri è stata scoperta nel 1839, mentre Proxima Centauri nel 1917.
«Uno degli obiettivi principali quando abbiamo proposto (la missione) WISE era quello di trovare le stelle più vicine al Sole. WISE 1049-5319 è di gran lunga la stella più vicina al Sole scoperta usando dati di WISE, e le immagini ravvicinate che potremo ottenere di questo sistema binario con grandi telescopi come Gemini e il futuro James Webb ci diranno molto sulle stelle poco massicce come le nane brune», spiega Edward Ned Wright dell'UCLA.
Luhman ha analizzato le immagini prodotte durante una campagna di mappatura del cielo durata 13 mesi e completata nel 2011. Durante questa campagna, WISE ha osservato ogni punto del cielo almeno 2-3 volte.
«Nelle diverse immagini (della stessa regione) sono stato in grado di stabilire che il sistema si stava muovendo molto velocemente nel cielo – il che era un importante indizio sul fatto che è molto vicino al nostro sistema solare», ha continuato Luhman.
Luhman ha allora deciso di cercare questo sistema in precedenti immagini, e ha infatti scoperto che era passato inosservato in molte lastre raccolte tra il 1978 e il 1999 dal Digitalized Sky Survey, dal Two Micron All-Sky Survey e dal Deep Near Infrared Survey.
«Analizzando il moto del sistema stellare nelle immagini della campagna di WISE, sono stato in grado di andare indietro nel tempo e prevedere dove sarebbe dovuto essere nelle immagini precedenti e, infatti, era proprio lì», ha proseguito Luhman.
Analizzando la parallasse del sistema dalle diverse campagne osservative, Luhman ha calcolato la distanza del sistema. Ha poi ottenuto uno spettro usando il Gemini South Telescope in cima al Cerro Pachòn, in Cile, scoprendo così che le due stelle hanno temperature molto basse, caratteristica principale delle nane brune.
«Le accurate immagini di Gemini hanno anche rivelato che l'oggetto non era in realtà uno solo, ma una coppia di nane brune una in orbita attorno all'altra. È stato un lavoro da detective. C'erano miliardi di puntini infrarossi di luce nel cielo, e il mistero era quale – o quali – poteva essere una stella molto vicina al nostro sistema solare».

© immagine
Janella Williams, Penn State University
NASA/JPL/Gemini Observatory/AURA/NSF
NASA/STScI/JPL/IPAC/University of Massachusetts
Scoperto un sistema stellare dietro l'angolo Scoperto un sistema stellare dietro l'angolo Reviewed by Pietro Capuozzo on 11.3.13 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.