Mars One: una colonia umana perenne su Marte entro il 2023

Essere il primo uomo su Marte è il sogno di molto di noi. Sarebbe un'impresa mai tentata prima, ma la compagnia privata Mars One ci sta già lavorando sopra. Prima di prenotarvi un posto, però, dovete sapere un piccolo dettaglio: non c'è un biglietto di ritorno. Esatto, gli astronauti che raggiungeranno Marte dovranno restarci fino alla fine dei loro giorni. Un aspetto della missione che potrebbe non andare bene a tutti, ma già un migliaio di astronauti si sono offerti.
Lo scopo della missione è di stabilire una colonia umana sulla superficie del pianeta. Il primo lancio avverrà nel 2023 e nel giro di dieci anni la colonia ospiterà 20 persone. Per finanziare il progetto, la compagnia sta pensando di iniziare una sorta reality show globale. Gli spettatori saranno in grado di scegliere 24 candidati e quattro di essi, dopo otto anni di allenamento, partiranno alla volta del Pianeta rosso.
«Sono passati i giorni in cui il coraggio e il numero di ore passate su un jet supersonico erano i requisiti principali per la selezione», spiega Norbert Kraft, ex-ricercatore della NASA e attuale membro dello staff medico di Mars One. «Ora, siamo più interessati a come un astronauta vive e lavora con altri, sapendo di avere davanti una vita intera di sfide».
«Prima che il primo equipaggio atterri, Mars One avrà già stabilito un insediamento abitabile progettato per ricevere quattro astronauti ogni due anni. Per fare ciò, Mars One ha sviluppato un piano preciso e realistico basato solamente su tecnologie già esistenti. È sia economicamente che logisticamente fattibile», si legge sul sito del progetto. «Così come con gli atterraggi lunari dell'Apollo, una missione umana verso Marte ispirerà intere generazioni a credere che tutto è possibile, che qualsiasi cosa può essere attuata. Mars One crede non solo che sia possibile, ma che sia essenziale la creazione di un insediamento perenne su Marte così da accelerare la nostra comprensione della formazione del sistema solare, dell'origine della vita e del nostro posto nell'Universo».
Il reality show coprirà tutte le fasi della missione, dalla selezione degli astronauti al loro allenamento, fino all'atterragio su Marte e all'inizio della loro nuova vita.
Mars One ha lasciato intravedere in molte sue dichiarazioni la possibilità che i primi equipaggi rientrino sulla Terra, ma «niente può essere ancora previsto».
«Considerate ciò che segue: per far rientrare un essere umano sulla Terra, c'è bisogno di un veicolo di lancio già assemblato completamente, capace di scappare dal campo gravitazione marziano, con vasti sistemi di supporto vitale e risorse per sette mesi di viaggio, e la capacità di attraccare alla stazione spaziale in orbita attorno alla Terra o completare un atterraggio sicuro su questo pianeta. Nessuno di questi è un dettaglio minore e comporta costi, peso e tecnologie avanzate».
Gli astronauti dovranno avere «idee chiare e buona volontà per costruire e mantenere relazioni, la capacità di auto-riflessione e l'abilità di fidarsi. Dovranno essere elastici, facilmente adattabili, curiosi, creativi e intraprendenti». Ovviamente, gli astronauti dovranno essere maggiorenni, in buono stato fisico e psicologicamente stabili.
Marte ha un'atmosfera irrespirabile composta per il 95% da anidride carbonica, temperature comprese tra 35 e -135 gradi centigradi, e un campo gravitazionale pari al 38% di quello terrestre. Gli astronauti avranno difficoltà ad adattarsi, ma un equipaggio russo che ha trascorso 13 mesi nella MIR è riuscito a rientrare sulla Terra senza troppi problemi, naturalmente completando vari esercizi ogni giorno. L'ambiente di microgravità causa problemi muscolari e scheletrici (tra cui la perdita di massa muscolare e l'osteoporosi), oltre a complicazioni nell'apparato cardiovascolare e in quello respiratorio. Da analizzare attentamente sono inoltre i livelli di radiazione solare che si incontreranno durante il viaggio e che potrebbero risultare fatali.
Gli astronauti potranno quindi farcela ad adattarsi alla vita marziana, ma rientrare sulla Terra causerebbe un altro shock al loro corpo che potrebbe essere fatale.
La colonia marziana avrà aria pulita, acqua potabile e cibo coltivato in una serra, oltre ai piccoli dettagli della nostra vita quotidiana che spesso trascuriamo e che stimoleranno gli astronauti in un pianeta altrimenti «freddo, desolato e non adatto a sostenere vita».

La compagnia ha già ricevuto finanziamenti da alcuni sponsor, tra cui ISP Byte Internet e Dejan SEO.
La missione costerà circa 6 miliardi di dollari statunitensi.
Mars One: una colonia umana perenne su Marte entro il 2023 Mars One: una colonia umana perenne su Marte entro il 2023 Reviewed by Pietro Capuozzo on 12.1.13 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.