La missione Kepler in ginocchio, problemi anche per Dawn e COROT


Il telescopio spaziale Kepler, il "cacciatore di pianeti", ha avuto un problema tecnico che potrebbe costringere gli ingegneri della NASA a porre fine alla missione. Il telescopio ha un riscontrato un malfunzionamento a una delle sue quattro ruote di reazione che consentono al telescopio di orientarsi. Kepler ha bisogno di almeno tre di queste ruote per poter funzionare, ma ne ha già persa una a Luglio del 2012. Con anche il collega francese CoRoT in gravi condizioni - si aspetta praticamente la fine ufficiale della missione - siamo di fronte a un periodo non particolarmente fortunato per la caccia agli esopianeti.

L'11 Gennaio, dopo alcune operazioni di volo, i tecnici hanno rilevato un aumento di frizione attorno alla ruota numero 4. Questa frizione è ancora presente e rischia di mettere in ginocchio l'intera missione.
I tecnici hanno subito portato la sonda in una posizione che non ha bisogno del supporto delle ruote, interrompendo così l'attività scientifica. Si spera che, tenendo la ruota a riposo per 10 giorni, il lubrificante interno si ridistribuisca e che la ruota ritorni a funzionare.
Problemi di questo tipo stanno diventando sempre più frequenti. Poco tempo fa, la sonda americana Dawn diretta verso Cerere aveva perso due delle sue ruote di reazione. Non necessitando un orientamento così accurato come quello di Kepler, gli ingegneri hanno messo a punto una combinazione tra le due ruote rimanenti e i retrorazzi che dovrebbe risolvere la questione. Purtroppo, una simile soluzione non può essere applicata nel caso di Kepler.
Kepler è già entrato nella fase estesa della sua missione, che dovrebbe continuare fino al 2016. Non è quindi una sorpresa che ora inizino a sorgere i primi problemi tecnici.
La missione Kepler in ginocchio, problemi anche per Dawn e COROT La missione Kepler in ginocchio, problemi anche per Dawn e COROT Reviewed by Pietro Capuozzo on 21.1.13 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.