La prima immagine della rivoluzione di un esopianeta

Beta Pictoris è una stella peculiare e atipica, che si sta rivelando molto interessante da un punto di vista esobiologico. La sua età è alquanto esigua, approssimativamente 11/12 milioni di anni (il nostro Sole, a metà della sua quasi perpetua vita, irradia luce sfolgorante da 5 miliardi di anni), ed è ubicata in una zona abbastanza attigua al nostro sistema planetario, a circa 60 anni luce (la stella a noi più contigua, Proxima Centauri, dista da noi solamente 4,3 anni luce).


Questa stella ha rappresentato uno dei casi più palesi e inconfutabili della presenza di un disco proto planetario che la avviluppa. Grazie a meticolose e accurate ricerche, il Very Large Telescope, abbreviato con l’acronimo VLT, è riuscito nell’astruso e sibillino intento di fotografare il disco.


Nella minuziosa immagine pubblicata, al centro si discernano due irrisori puntini luminosi. Essi sono lo stesso pianeta, fotografato in diversi periodi. L’eccezionale immagine è composta da due fotogrammi ripresi, difatti, in due periodi diversi. E’ avvalorata dal fatto che è la prima a ritrarre il moto di rivoluzione di un esopianeta intorno alla propria stella, ovvero il movimento del corpo stesso.

Ora, basterà solo aspettare ancora qualche anno per vedergli fare il giro completo.

La prima immagine della rivoluzione di un esopianeta La prima immagine della rivoluzione di un esopianeta Reviewed by Pietro Capuozzo on 12.6.10 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.