Le tecnologie futuristiche finanziate dalla Nasa


Nella sua ultima conferenza stampa, organizzata il 2 febbraio 2010, la rinomata associazione americana Nasa ha presentato le aziende vincitrice dell'ambito concorso allestito con la collaborazione della Casa Bianca e, di conseguenza, dello stesso presidente americano Barack Obama. Il direttore della Nasa, Charles Bolden, si è subito detto 'rispettosamente in disaccordo' con le polemiche avanzate dopo la decisione di finanziare cinque aziende per scopi astro-commerciali. Si è subito schierato dalla parte del presidente americano, precisando che l'azione compiuta servirà a "ristrutturare" la Nasa e che il concorso vinto non è altro che un nuovo modo per realizzare il business di sviluppare un programma che sia veramente sostenibile nel lungo termine. Nonostante ciò, le accese discussioni che si sono scatenate in questi giorni riguardo l'ipotetico abbandono della Nasa alla ricerca spaziale, non sono state soffocate.

La Boeing, una delle cinque agenzie che hanno conquistato il palio, riceverà 18 milioni di dollari (quasi 13 milioni di euro) per proseguire la creazione di una capsula che, in un futuro - si spera - molto vicino, trasporterà 7 intrepidi astronauti e che potrà essere lanciata da un veivolo di classe media, tipo un ELV, ovvero un veicolo di lancio non riutilizzabile. Il direttore della Boeing, Bruster Shaw, spera di riuscir a vedere la ISS operare al suo massimo potenziale, dato che è fornita di una logistica robusta e complessa. La Boeing è operativa da molti anni: da più di mezzo secolo, disegna, progetta e sviluppa veicoli dediti all'esplorazione spaziale, robotici o capaci di contenere un equipaggio umano, come l'X-15, i programmi Gemini, Apollo e Skylab, nonché lo Space Shuttle, la ISS ed il programma scientifico Constellation.

La Paragon Space Development Corporation, un'altra delle cinque fortunate vincitrici, riceverà una cifra pari a 1,4 milioni di dollari americani per lo sviluppo dei sistemi di supporto vitale, i cosiddette life support systems. Il suo attuale presidente, nonché il fondatore stesso, dichiara di aver sviluppato e collaudato un coacervo di tecnologie con obiettivi diversi: potenziare la ISS, conquistare nuovamente la Luna e atterrare sul Pianeta Rosso, Marte. I sistemi di supporto vitali vengono chiamati anche Air Revitalization, e saranno presto profondamente impegnati in svariate missioni spaziali.

La Sierra Nevada Corporation, riceverà, al contrario, una cifra esorbitante: 15 milioni di euro, per sperimentare e rinvigorire il loro Dream Chaser (il 'Cacciatore di Sogni'), una dispendiosa navetta spaziale a sette posti. Essa è basata sull'HL-20, il quale ricorda come la forma della navetta CRV (Crew Return Vehicle o, altrimenti, Crew Rescue Veichle) inizialmente progettata per la ISS come veicolo di ritorno per gli equipaggi della Stazione. In futuro, si prevede che la navetta verrà lanciata da un razzo Atlas 5.

La United Launch Alliance, incasserà dai fondi privati della Nasa, 6.7 milioni di dollari per un rivoluzionario sistema utilissimo: rileverà le emergenze a bordo di navette cosiddette "manned" (con equipaggio umano) lanciati da razzi vettori Delta e Atlas. Ecco le parole di Mike Gass, presidente e CEO di ULA: "ULA ha sostenuto la nazione con più di 50 anni di esperienza. Atlas e Delta saranno usati per sostenere i 'commercial crew' nel futuro, e la sicurezza degli equipaggi è tutto, e noi forniremo un sistema sinergico per offrire un sostegno sicuro".

L'ultima compagnia vincitrice è la Blue Origin, la quale riceverà 3,7 milioni di dollari per un nuovo tipo di 'crew escape system', il sistema di sicurezza che entra in azione in caso di aborti di un volo spaziale subito dopo il lancio, con lo scopo di garantire l'incolumità dell'equipaggio. Robert Millman, di Blue Origin, ha detto: "Ci siamo dedicati alla realizzazione di tecnologie per una duratura presenza umana nello spazio".

E ha pienamente ragione la Nasa, che afferma: "Siamo su di un nuovo corso, ma il volo spaziale umano è nel nostro DNA".


Le tecnologie futuristiche finanziate dalla Nasa Le tecnologie futuristiche finanziate dalla Nasa Reviewed by Pietro Capuozzo on 3.2.10 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.