Eclissi Solare

Venerdì 15 Gennaio 2010, data in cui il mondo ha osservato una delle più grandi eclissi solari del millennio. A partire dall'11 Agosto 1999, ricordiamo quella del 6 Maggio 2005, quella del 3 Ottobre 2005, quella del 29 Marzo 2006 e quella del 1 Agosto 2008. Vediamo ora due mappe dettagliate dell'eclissi:
MONDO


La linea verde che attraversa l'Oceano Indiano rappresenta le zone in cui l'eclissi è stata anulare o, raramente, totale. Come si può vedere, questa fascia unisce l'Africa centrale (Rep. Centro-Africana, Rep. Democratica del Congo, Uganda, Kenya), le isole Maldive, parte dell'India e lo Sri Lanka, gli stati prossimi alla penisola Indocinese (Birmania, parte del Bhutan e del Bangladesh) e la Cina.
Le linee blu formano due grandi gocce. Partiamo con l'analizzare la goccia a sinistra. La prima linea blu partendo da Ovest unisce i punti in cui, quando il Sole è sorto, l'eclissi era giunta alla fine, sebbene qualcosa si è potuto vedere. L'altra linea che compone la goccia a sinistra rappresenta le zone in cui, al sorgere del Sole, l'eclissi era all'inizio. La linea magenta che attraversa l'ovale segna il punto in cui, durante il sorgere del Sole, l'eclissi era alla fase mediana.
Analizzando la goccia a Est, incominciamo con il dire che la linea blu situata a sinistra raffigura le località in cui l'eclissi è tramontata esattamente mentre finiva. Perciò, queste zone hanno potuto osservare egregiamente, a nostro parere, l'eclissi. La linea blu situata più ad oriente rispetto alle altre ritrae l'area della superficie terrestre in cui l'inizio dell'eclissi è corrisposto al tramonto. Ancora una volta, la linea magenta collima e combacia un'ipotetica "via di mezzo" tra le due linee blu: in questo caso, l'eclissi era giunta a metà quando il Sole è tramontato.
Si possono poi denotare due linee rosse: esse stabiliscono, rispettivamente, il confine settentrionale e meridionale dell'eclissi. A Nord della linea settentrionale e a Sud di quella meridionale, per forza di cosa, non si è potuto vedere l'eclissi.
ITALIA




Come si può indubbiamente notare, l'Italia non è ad una posizione altrettanto appagante. Ovviamente, le linee blu e quella magenta formano il primo ovale che abbiamo analizzato. Oltre la linea blu più ad occidente, l'eclissi non è stata visibile. La linea attraversa Cagliari, Forlì e Gorizia. In questi agglomerati italiani l'eclissi è finita sul sorgere, ovvero è terminata subito. Le zone ad Est di questa zona sono state più fortunate: qui l'eclissi, tempo promettendo, è stata visibile, sebbene sia comunque durata pochissimo.

L'eclissi ha avuto una magnitudine massima italiana a Lampedusa. Zone poco meno fortunate sono state invece Siracusa, Cagliari, Pozzallo e Catanzaro. Roma ha potuto vedere l'eclissi con una magnitudine pari a 0.21. Poco meno Potenza, Bari, Perugia e L'Aquila. Quasi invisibile l'eclissi per gli abitanti di Ancona, Palermo e Napoli.
Eclissi Solare Eclissi Solare Reviewed by Pietro Capuozzo on 16.1.10 Rating: 5
Riproduzione riservata. (C) Polluce Notizie 2010-2017. Powered by Blogger.